Home page

 

COFFEE TIME FILM 

 

Chi siamo 

La Coffee Time Film è una casa di produzione cinematografica indipendente fondata a Rimini nel 2017 da Kristian Gianfreda al fine di  valorizzare il patrimonio  sociale, umano e culturale della Romagna. Il nostro team coinvolge professionisti dal mondo dell’associazionismo, del volontariato, delle cooperative sociali. Nel DNA di Coffee Time c’è dunque un’ attenzione agli ultimi, alla diversità, ai percorsi di integrazione sociale: tutte le nostre opere, dai lungometraggi di finzione ai documentari, ai cortometraggi, agli spot sociali di promozione e raccolta fondi si ispirano a storie di vita vera.

 

Kristian Gianfreda

Kristian Gianfreda è un regista, sceneggiatore e produttore italiano. Nasce il 27 Marzo 1971 a Rimini dove vive tutt’ora con la sua famiglia. Si impegna nel sociale fin da giovane e nel 1997 conosce la Comunità Papa Giovanni XXIII. Si avvicina in particolare alla realtà di accoglienza per senza fissa dimora “Capanna di Betlemme” tanto che, pochi anni dopo, ne diventa il responsabile per quasi vent’anni.

Oggi  Kristian è impegnato nel sociale anche a livello politico, come consigliere del Comune di Rimini. Negli anni della “Capanna di Betlemme” incontra persone, volti, storie di emarginazione sociale, solitudine e povertà e ne rimane colpito. Il suo desiderio diventa quello di dare voce agli ultimi della società.

Nel 2001 inizia anche la sua esperienza audiovisiva con uno stage di formazione presso Produzioni L&C di Roma. La formazione continua nel tempo con stage e seminari, nel 2002 frequenta il “CICS” (Centro Interdisciplinare di Comunicazione Sociale)  dell’Università Gregoriana, ma è nella collaborazione con professionisti e nella realizzazione dei primi documentari che trova la sua strada.

Nel 2005 collabora alla scrittura e alla realizzazione di documentari per la televisione per la 2AFILM di Antonio e Pupi Avati, poi nel 2009 per la “L&C” di Luca De Mata partecipa alla produzione della serie di documentari RAI “La valigia  con lo spago” e nel 2011, sempre per “L&C” di Luca De Mata, realizza il documentario RAI “Musulmani Europei”.
Dal 2002 ad oggi è responsabile di produzione e regista presso “Audiovisivi Apg23”  della Comunità Papa Giovanni XXIII, di cui cura anche eventi e campagne di sensibilizzazione. In questi anni si dedica  alla produzione e alla regia di numerosi documentari, cortometraggi e spot sociali.

Per i suoi lavori ottiene numerosi premi e riconoscimenti, tra cui, nel 2012, è vincitore ONP Award di Pubblicità Progresso per lo spot “La mia famiglia esce dal foglio”; ottiene una menzione speciale della giuria per “La strada di Oana” e per “1,1,2,3,5” al Festival l’Anello Debole di Capodarco del 2015. L’anno successivo è vincitore del primo premio per il miglior documentario “So far, so close” al People for Peace e The Prem Rawat Foundation.

Nel 2012 è chiamato a partecipare come membro della giuria al Film Festival di Fiuggi, ma raggiunge il riconoscimento internazionale grazie al suo primo lungometraggio cinematografico “Solo cose belle” (2019) che ottiene i favori del pubblico e della critica: il film viene premiato per la miglior colonna sonora al Film Festival di Brooklyn, ottiene una menzione speciale al Festival Internazionale di Shangai, vince anche al Calcutta International Cult Film Festival, conquista una “Special Mention” all’Indie Fest di Maggio, è la miglior commedia per il Rome Indipendent Film Festival. Per la produzione di “Solo Cose Belle”, Gianfreda fonda nel 2017 la casa di produzione cinematografica “Coffee Time Film”, con sede legale a Rimini. Lo accompagnano nella progettazione del film, oltre a un team di amici e professionisti, lo sceneggiatore Andrea Valagussa, che da anni collabora con la Rai e Mediaset, e Stefano Alleva, amico e regista televisivo (Elisa di Rivombrosa, La Squadra, Un Medico in famiglia).

Nella primavera del 2019 insieme all’amico sceneggiatore Filippo Brambilla inizia la stesura del primo script di Ballerina, cortometraggio di denuncia, dedicato alle vittime della tratta e della prostituzione. Le riprese del corto di cui Kristian cura la regia avvengono nel Novembre dello stesso anno.

PRODUZIONI

 

BALLERINA 

 

In uscita a febbraio 2020

 

Natale è quando lo è per tutti. Buon Natale da Ballerina (guarda il trailer!)
Buon Natale a chi piangerà, anche se è la notte di Natale. A chi non avrà mani da stringere né cuori da scaldare, nemmeno il suo. Buon Natale a chi riceve schiaffi invece che carezze. Buon Natale a chi non ha più una figlia, una moglie, una madre, una sorella. Alle 142 donne italiane che non potranno festeggiare il Natale perché sono state uccise in questo anno dai loro compagni tra le mura di casa. Alle 1.660 vittime di tratta (accertate, anche se sono più di 70.000). Buon Natale a Nikoleta, Benedicta, Arietta, Christina, Venetita, Lioara, Jennifer, Angela, Andreea Cristina, Evelyn, Sofia, Loveth. Buon Natale a tutte loro e così anche a tutti noi, perché è Natale quando lo è per tutti. È Natale quando ci si prende per mano e quando diciamo a qualcuno “ci sono io”. Buon Natale dalla Coffeetime film e da “Ballerina”, che nel suo piccolo spera di cambiare il mondo. Aiuta il nostro progetto aggiungendo la tua piccola luce, perché insieme possiamo fare qualcosa di grande. Guarda il trailer!.A questo link http://sostieni.link/23505 sul sito www.produzionidalbasso.com sostieni Ballerina. Donazione libera.
Posted by Coffee Time Film on Tuesday, December 24, 2019

 

Sinossi di “Ballerina”: Il corto racconta 20 minuti della vita di una ragazza dal momento in cui viene rapinata e lasciata in strada da un cliente. La ragazza è una prostituta. Prenderà un autobus che la porterà dove non vorrebbe, ma questo viaggio è il viaggio di tutta la sua vita, racchiude il suo passato, il presente e forse il suo futuro. Attraverso alcuni incontri farà i conti con il suo presente, con la violenza, il pregiudizio, il sopruso, la vergogna. Arrivata a destinazione si compirà il suo destino, ma a noi spettatori rimarrà l’emozione di essere entrati in contatto per un attimo con la sua parte più vera e la certezza che nessuna donna nasce prostituta.

 

 

Se partecipi al crowdfunding per la post produzione, potrai vedere il tuo nome nei credits del film e addirittura ricevere un invito personale alla prima del cortometraggio a febbraio 2020 a Rimini. Nella notte tra l’1 e il 2 novembre del 2007 Don Oreste Benzi saliva al cielo. La lotta alla prostituzione è stata una delle sue grandi battaglie e la Comunità Papa Giovanni XXIII, da lui fondata 50 anni fa, la porta avanti ancora oggi con lo stesso impegno. Il cortometraggio al quale stiamo lavorando è ispirato proprio alla storia vera di una delle tante ragazze vittime della schiavitù della prostituzione.  “Ballerina” è un film breve, duro, senza sconti, che ha l’obiettivo di portare gli spettatori oltre la maschera della prostituta, oltre le convenzioni e i facili pregiudizi.Ballerina è prodotto dalla Coffee Time Film con il contributo della campagna nazionale “Nemmeno con un fiore! Stop alla violenza di genere” della Comunità Papa Giovanni XXIII, un progetto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le pari opportunità.

 

Con la semplicità di un bambino, Don Oreste realizzava cose ritenute irrealizzabili. Questo nuovo progetto è l’ennesima sfida portata avanti con lo stesso spirito.

 

GRAZIE!

 

 

 

Ballerina, un ruolo tragico e borderline per Agnese Claisse: “mi si addice alla perfezione”

 

 

È un ruolo forte e profondo, tragico e borderline che mi fa anche molta paura ma mi si addice alla perfezione” dichiara l’attrice protagonista. 

 

Agnese Claisse, protagonista del cortometraggio “Ballerina”, è arrivata a Rimini da Londra in questi giorni per le prove con il regista Kristian Gianfreda.
L’actor coaching ha permesso al regista riminese e all’attrice di studiare a fondo la sceneggiatura ed entrare nella parte e nelle singole scene, approfondendo il personaggio e mettendo a fuoco i vari passaggi.“Ho accettato la parte perché mi è piaciuta molto la sceneggiatura –dichiara l’attrice  da una parte estremamente concreta e che affronta temi reali e purtroppo ancora attuali di cui è importante parlare, dall’altra, lo fa in modo sognante, creativo, originale e artistico. Mi piace anche molto il modo di lavorare di Kristian, molto serio, rispettoso degli attori, incoraggiante, positivo che sa spronarti e spingerti oltre i limiti senza mai schiacciarti o umiliarti e sa farlo con leggerezza e senso dell’umorismo. Questo ruolo è una sfida per me e questo mi piace, perché contiene in sé una panoplia di emozioni che devo riuscire ad esprimere, e perdere la concentrazione anche solo per un secondo può essere deleterio. È un ruolo forte e profondo, tragico e borderline che mi fa anche molta paura ma mi si addice alla perfezione. Hai presente le montagne russe? Quella sensazione di eccitazione e terrore che vanno a braccetto? L’idea è quella”.

Intento del regista della commedia “Solo cose belle” questa volta è affrontare il dramma della prostituzione con le ferite non solo fisiche ma anche “sociali” e psicologiche che lascia su una donna. È un film di forte denuncia ispirato a una storia vera.

 

 

“Abbiamo cambiato completamente il registro rispetto a “Solo cose belle”, rimane però sullo sfondo l’idea che nell’emarginazione e nella diversità ci sia un mondo vitale che ci può regalare tanti spunti di riflessione, molte emozioni e bellezza. La storia, scritta insieme a Filippo Brambilla, gioca tra diversi generi e regala allo spettatore un viaggio in una dimensione inaspettata, intensa e vera. Sono contento del lavoro fatto finora, vediamo cosa combiniamo questa volta”

Il cortometraggio è finanziato dalla campagna di sensibilizzazione nazionale “Nemmeno con un fiore! Stop alla violenza di genere” della Comunità Papa Giovanni XXIII, realizzata con il contributo della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per le pari opportunità.

 

Biografia e filmografia di Agnese Claisse

Agnese Claisse, 31 anni, attrice e cantante, ha mosso i suoi primi passi nel cinema da bambina, con la madre Laura Morante, interpretando il ruolo di Martina in Ferie d’agosto di Paolo Virzì, nel 1995. Il padre è l’attore francese George Claisse. Nel 2010 compare nel film di Carlo Verdone Io, loro e Lara. Successivamente fa il suo debutto come protagonista in “Una canzone per te”, opera prima di Herbert Simone Paragnani. Nel film, interpreta Lisa, un’introversa liceale con il dono della musica al centro di un triangolo d’amore. Ha recitato nelle celebri serie tv 1992 e 1993 del regista Giuseppe Gagliardi. Nel 2017 ha recitato in “Blue Kids”, opera prima di Andrea Tagliaferri, con Fabrizio Falco e Matilde Gioli. Una produzione Archimede con Rai Cinema, distribuzione Master Five Cinematografica. Studia jazz al conservatorio, suona la batteria, la chitarra e il pianoforte e si divide tra i Paesi che ha nel Dna, Italia e Francia. Attualmente vive a Londra.

 

 

 

SOLO COSE BELLE

 

Solo Cose belle è la storia di Benedetta, una popolare ragazza sedicenne, e del suo incontro con una bizzarra casa famiglia, appena arrivata nel suo piccolo paese dell’entroterra riminese. La casa famiglia – rumorosa e stravagante – conta un papà e una mamma, un richiedente asilo appena sbarcato, una ex-prostituta con figlia piccola, un giovanissimo carcerato, due ragazzi con gravi disabilità e un figlio naturale.

Benedetta è invece la figlia del sindaco, costretta ad adeguarsi a un ruolo sociale che – come scoprirà – non le piace, e a un ideale di perfezione, anche estetico, che in realtà la rende infelice. È proprio lei – anche attraverso la sua storia d’amore con Kevin, uno dei ragazzi della casa – a guidarci in questo mondo ai margini, in cui tutti sembrano “sbagliati” o “difettosi”, ma in realtà sono solo davvero umani.

Ed è poi l’intero paese, che si prepara con passione alle prossime elezioni comunali, a essere coinvolto e sconvolto da questo incontro, tra momenti divertenti e altri drammatici, tra balli, risa, lacrime, barchette di carta, piadine e sgomberi, finché, in una notte difficile, tutto precipita e sembra perduto.

In realtà, al di là delle scelte dei singoli, nulla potrà più essere come prima.

LA PRODUZIONE

“Solo cose belle” è prodotto da Coffee Time Film e da Sunset Produzioni, in associazione con le Cooperative della Comunità Papa Giovanni XXIII, La Fraternità e Il Calabrone; ha ottenuto il finanziamento dell’Emilia-Romagna Film Commission.

E’ un film ispirato all’opera di don Oreste Benzi e alla Comunità Papa Giovanni XXIII.
Una commedia corale che racconta l’incontro tra gli abitanti di un piccolo paese dell’entroterra romagnolo e una casa famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII
L’amore, l’amicizia e i valori dell’accoglienza saranno più forti dei pregiudizi e della paura del diverso?

Presentato in anteprima come visione straordinaria a Rimini lo scorso 7 dicembre, in occasione del cinquantennale della Comunità Papa Giovanni XXIII, evento a cui ha presenziato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, giovedì 9 maggio arriverà nelle sale italiane.

LA REGIA

Solo cose belle è diretto da Kristian Gianfreda, regista al suo primo lungometraggio.
Gianfreda da più di vent’anni racconta la diversità con la telecamera.

Ogni elemento del film è perfettamente collocato per consentire alla vicenda di ingigantirsi, di esplodere e di ricomporsi “dalla parte degli ultimi”. Le inquadrature sono sempre al servizio dell’evoluzione della vicenda e del cambiamento dei personaggi.

             RASSEGNA STAMPA

 

Podcast

        Solo cose belle’, Kristian GianfredaRadio1 giorno per giorno

        ‘Solo cose belle’questioni di Stilo

Carta stampata

        Solo cose belle, la commedia che apre la porta di una casa famigliaCiackmagazine

        ‘Solo cose belle, una casa famiglia in commediaAnsa

        Il mondo racchiuso in una casa famigliaLa Stampa

        “Solo cose belle”, il film-manifesto dedicato al rispetto delle diversitàIl Messaggero

        Vincere la paura per il diversoL’Osservatore romano

        “Solo cose belle” continua a stupireNewsrimini

        Tutto il castfilmtv.it

        Scheda filmMyMovies

        Rassegna stampa completa

 

Telefono 0541 909635

produzione@coffeetimefilm.it